Casa tecnica - logo - def

CONTROLLI PERIODICI SULLE CALDAIE

I controlli periodici sulle caldaie vanno effettuati per i seguenti motivi

o una questione di sicurezza,
o ridurre le emissioni inquinanti,
o verifica dell’efficienza e quindi favorire un risparmio energetico
o obbligo di legge (consulta la Delibera di Giunta Regionale n.2601/2011),
Si deve mantenere in perfetta efficienza il proprio impianto di riscaldamento. Infatti, la normativa vigente obbliga a controlli periodici delle caldaie che devono essere compiuti da tecnici abilitati di ditte specializzate nella manutenzione, le quali poi rilasciano un apposito documento che l’utente deve conservare.
Il manutentore ha l’obbligo di registrare i dati della manutenzione nel Catasto Unico Regionale Impianti Termici CURIT e anche l’obbligo della corresponsione dei contributi di legge per conto del responsabile dell’impianto. Queste operazioni, costituiscono la certificazione dell’avvenuta manutenzione.

E’ ormai operativo il regolamento DPR 16 aprile 2013, n. 74 in materia di controlli sull’efficienza energetica (diversi da quelli per la sicurezza) dei sistemi di climatizzazione (caldaie per il riscaldamento e climatizzatori).
La verifica dell’efficienza è fissata per legge e serve a controllare che, nel tempo, l’impianto continui a consumare una stessa quantità di energia a fronte del fabbisogno necessario per garantire un uso standard.
La periodicità delle verifiche è prevista dalla legge DPR74/2013, a seconda della potenza e tipologia dell’impianto. Le Regioni e Province hanno legiferato con proprie leggi in materia e hanno stabilito sui territori periodicità di controllo diverse da quelle statali. Anche il produttore dello specifico apparecchio ed eventualmente anche lo stesso installatore possono modificare la periodicità.